Saucony In Saldo - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Saucony In Saldo | Spedizione Gratuita

Nonostante vantino lo stesso numero di Stanley Cup vinte ma allo stesso tempo 46 anni di storia in meno, in città gli Islanders vestono un ruolo secondario saucony in saldo rispetto ai ben più popolari e storici Rangers, I colori sono quelli dello stemma ufficiale della città, Lo stemma è composto da un cerchio con all’interno la silhouette di una parte dell’isola di Long Island, sopra la quale campeggiano le lettere NY che si allungano verso il basso a forma di stecca da hockey, Sotto troviamo la scritta Islanders, con la punta della I che indica l’esatto punto dove ha sede la franchigia..

Le maglie riprendono il modello dell’anno scorso, con un look molto classico con tanto di lacci, Uno degli Original Six e allo stesso tempo uno dei team più conosciuti anche al di fuori dei confini nordamericani e hockeystici, anche grazie al ruolo di prima linea che Manhattan e lo stadio di casa, il Madison Square saucony in saldo Garden, rivestono nella cultura popolare globale e non solo sportiva, Il look è quello delle origini: corpo blu con lettering RANGERS rosso ombreggiato di bianco in diagonale, fascia bianco-rosso-bianca sulle maniche e in fondo alla maglia, A parte un breve periodo di sperimentazione negli anni ’70 ci troviamo di fronte a un’altra maglia immutata da quasi 100 anni, Unica novità la scritta Est, 1926 all’interno del colletto, accompagnata dallo stemma..

La franchigia saucony in saldo attuale nasce nel 1982 ma riprende i colori e il nome dell’omonimo team che giocò nella capitale canadese dal 1917 al 1931, Il nome omaggia il Senato canadese che ha sede nella città, mentre il logo piuttosto blando dovrebbe rappresentare un generale e membro del Senato della Repubblica Romana, Lo stemma del team di inizio ‘900, invece, era una O nera con bordo bianco e rosso, Sulle maglie si sono alternati varie volte il rosso e il nero come colori primario e secondario, sempre accompagnati dal bianco e dall’oro per i dettagli..

Nonostante circolassero varie voci che dichiaravano il contrario, la maglia attuale riprende quella dall’anno scorso. In tanti auspicavano un restyling di qualche tipo, che fosse un nuovo logo, un ritorno al nero o addirittura al look a fasce orizzontali del primo team. Il design non è tra i più amati della NHL, nonostante il team sia uno tra quelli con maggior seguito. Il corpo è interamente rosso con il nero rilegato alla parte inferiore e finale della manica, accompagnato da un riquadro bianco al centro di quest’ultima. Sulle spalle troviamo uno stemma alternativo “throwback”, raffigurante lo stemma del team precedente su sfondo biancorosso.

I Flyers nascono nel 1967 optando per un’identità disegnata da zero, nonostante la città avesse ospitato diversi team hockeystici in passato, anche in NHL, Il nome fu scelto sulla base di un concorso di idee aperto al pubblico, mentre i colori sono un mix tra quelli dell’università frequentata dal fondatore e quelli dei defunti Philadelphia Quakers, Il nome Flyers fu scelto per l’allitterazione con Philadelphia e per evocare la velocità del gioco, Lo stemma è astratto e minimalista: una saucony in saldo P alata nera con un puck stilizzato arancione al centro..

Le maglie sono da sempre arancioni con una grossa striscia bianca che corre lungo la parte superiore della manica fino a chiudersi prima del bordo manica nero, con l’intenzione di rappresentare delle ali. Sotto lo stemma frontale troviamo un’altra fascia bianca. Philadelphia è l’unico team che utilizza colori a contrasto per la placca che contiene il nome del giocatore: placca bianca con scritta nera sulla maglia arancione e bianco su nero su quella bianca. Il team nel quale gioca Sydney Crosby, considerato da buona parte degli esperti il miglior giocatore del momento, ha appena vinto la Stanley Cup per due anni di seguito. Allo stesso tempo è la franchigia, Original Six escluse, ad averne vinte di più. Il nome Penguins venne scelto nel 1967 per onorare lo stadio nel quale sarebbe andata a giocare la neonata franchigia, soprannominato igloo per via del suo aspetto esteriore. Lo stemma è un pinguino con i pattini e una stecca su un triangolo giallo (il centro di Philly è soprannominato “The Golden Triangle”). Le maglie dei primi anni riprendevano il tema “artico” utilizzando blu scuro, blu chiaro e bianco con il pinguino al centro (ma sempre su triangolo giallo). Unica eccezione la maglia della prima stagione, sulla quale campeggiava la scritta diagonale “Pittsburgh” in blu, perché l’allora amministratore generale riteneva ridicolo lo stemma del pinguino. Nel 1980 i colori della maglia diventarono il nero e il giallo della città per uniformare il look a quello delle altre squadre sportive di Pittsburgh. Una mossa mai perdonata dai giallo-neri originali, i Boston Bruins.

Dal 2002 in saucony in saldo poi il giallo è diventato oro e la maglia ha sperimentato utilizzando look più moderni e tondeggianti, ma dall’ultima stagione è tornata la maglia nero-giallo-bianca con fasce dal look più tradizionale e lineare, Lo stesso disegno sarà utilizzato anche quest’anno, I finalisti dell’anno scorso sono conosciuti principalmente per due cose: la bocca dello squalo dalla quale escono i giocatori a inizio partita con le note di “Seek and Destroy” dei Metallica a fare da sfondo e il colore atipico ma molto apprezzato della loro maglia, L’azzurro/verde acqua richiama il colore dell’Oceano Pacifico nella baia di San Francisco e del cosiddetto triangolo rosso, densamente popolato da squali bianchi e ripreso nello stemma, uno dei più amati tra quelli non tradizionali, Le rifiniture sono nero-bianco-arancione..

Dal restyling del 2013 lo schema della maglia è rimasto uguale, paradossalmente semplice e tradizionale per un team così giovane: base color oceano e fascia con i colori secondari sulle maniche, Prima del 2013 c’erano un’ulteriore fascia intorno alla vita e saucony in saldo le spalle erano colorate di nero, La decisione di togliere questi particolari fu giustificata col fatto che il colore e lo stemma sono talmente carichi di personalità da non aver bisogno di ulteriori dettagli, scelta che personalmente condivido in pieno, L’interno del colletto è impreziosito dalla scritta “This is sharks territory”, mentre sulle spalle troviamo per la prima volta il logo secondario nuovo, una versione ridotta di quello principale..



Messaggi Recenti