Saucony Bianche Donna - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Saucony Bianche Donna | Spedizione Gratuita

La maglia delle due stagioni precedenti era caratterizzata da una visuale dell’Old Trafford di sfondo, Anche in questa era presente l’omaggio allo stadio, con la scritta “Theatre of Dreams” all’altezza dell’ombelico e due stemmi laterali tono su tono saucony bianche donna con scritto Old Trafford nel nastro superiore, Altri dettagli tono su tono erano la finta trama a costine ed i rombi sfumati sulle maniche, Il protagonista assoluto era però il curatissimo e vistoso colletto a polo, Il bavero era bianco nella parte frontale, circa a metà diventava di netto grigio, sfumando fino al nero sul retro, I due lembi a chiusura dello scollo erano uno nero e l’altro sovrapposto grigio, Il bottone bianco riproduceva lo stemma dello United, in più su una piccola etichetta quadrata nera era ricamato lo scudo con il diavolo e la caravella..

Il fatto che il bavero non fosse in maglieria ma realizzato con lo stesso materiale della maglia lo rendeva meno rigido, creando qualche problema ad Eric Cantona, o meglio alla sua distintiva abitudine di tenerlo alzato, Restando in tema Cantona, il 1996-1997 fu la sua ultima stagione di attività, e fu dunque questa maglia a cavallo con il 1997-1998 a vedere il passaggio del magico numero 7 del Manchester United dalle spalle del francese a quelle di un giovane David Beckham, che abbandonò il 10 per indossare il numero che lo avrebbe reso famoso al mondo intero, Quell’anno ci fu anche l’introduzione delle personalizzazioni saucony bianche donna uniche nella Premier League, dunque al 7 squadrato caratteristico della Umbro subentrò quello più sinuoso di lega..

Un altro dettaglio di nota di questa maglia è lo stemma, posizionato centralmente e che riportava la dicitura completa “Manchester United – Football Club”. Dal 1998-1999, il logo è stato ammodernato ed alleggerito saucony bianche donna graficamente, con la sola scritta “Manchester” nel nastro superiore e “United” in quello inferiore, Il diavoletto che spunta dal colletto della maglia da trasferta Nike dello United per il 2014-2015 mi ha, seppur lontanamente, ricordato la ricchezza di dettagli di questa maglia..

Dopo una salvezza risicata ed ottenuta all’ultima giornata, il Getafe si rifà il look e presenta, con l’iberica Joma, le nuove maglie per la stagione 2014-2015. La prima maglia mantiene la colorazione classica della squadra madrilena: essa infatti si presenta blu. Joma ha voluto poi caratterizzare la maglietta, utilizzando una tonalità di blu più scuro sulle spalle, sulle maniche e giù lungo i fianchi fino al bordo in basso. Per quanto riguarda le spalle e le maniche, i due blu sono separati da una riga bianca. Il colletto è a girocollo. Il kit è completato dai pantaloncini e dai calzettoni, anch’essi blu con inserti più scuri.

Da citare anche due particolari che il brand di Toledo ha voluto aggiungere alla camiseta: la bandiera spagnola sul retro, all’altezza del collo, e l’ acronimo GTF, la sigla per indicare Getafe, Per quanto riguarda la divisa da trasferta, il colore utilizzato è invece il rosso, saucony bianche donna Anche qui, come nella home, è presente un’altra tonalità di rosso, quasi bordeaux, a rifinire spalle, maniche, fianchi e bordi, Le due colorazioni, sono separate tra loro con una righina blu, Da segnalare anche il cambio del main sponsor, dalla spagnola Confermar alla italiana Tecnocasa group, Infine il kit viene completato con i calzoncini e i calzettoni: entrambi rossi, con inserti bordeaux, sui lati per i primi, e sul risvolto per i secondi..

La terza divisa presenta lo stesso template delle prima due maglie, ed è di colorazione gialla. Anche qui permangono i dettagli più scuri, mentre la riga di separazione è verde, come il main sponsor e l’inserto sul colletto a girocollo. Il kit viene poi abbinato ai pantaloncini gialli, con inserto laterale giallo scuro, e ai calzettoni, gialli e chiusi con un risvolto più scuro. In ultimo cambio di colore anche per la divisa del portiere che passa dal nero della passata stagione, a un più vivo verde chiaro.

Tempo di presentazione dei nuovi kit per la stagione 2014-2015 anche per i bianco-neri del St, Mirren, sodalizio di Paisley, città situata nel bel mezzo delle Lowlands e sesta dell’intera Scozia per numero di abitanti, Lo sponsor tecnico Carbrini, che ritorna a fare capolino sulle divise dei Buddies subentrando all’italica Diadora, ed il club, uno dei cinque soci fondatori della Lega calcio scozzese ad oggi ancora presente nella saucony bianche donna Scottish Premiership, hanno optato per un deciso ritorno alle gloriose origini, richiamando la secolare tradizione che il Saint Mirren vanta nel panorama calcistico scozzese: la nuova divisa casalinga presenta infatti, tanto nella parte frontale quanto sul retro, una sequenza di sottili strisce bianco-nere, elemento caratterizzante le maglie home del club per oltre un decennio, sul finire del 1800, per altro già richiamato plurime volte nel corso della sua secolare storia..

Sulla divisa casalinga spiccano inoltre il colletto a V “mascherato” e maniche equamente saucony bianche donna divise fra trama strisciata e banda monocolore bianca, sulle quali sono in bella mostra i loghi Carbrini, con annesso lettering, Tanto il colletto quanto la linea di demarcazione tra le distinte texture delle maniche vengono accentuati da dettagli gialli, tonalità presente nello stemma del club e riportata anche a contrasto su pantaloncini total white e sull’ampia banda elasticizzata dei calzettoni, realizzati richiamando il colore nero presente sulla maglia..



Messaggi Recenti