Occhiali Da Sole Rayban - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Occhiali Da Sole Rayban | Spedizione Gratuita

Con questo kit i Rangers si confermano campioni di Scozia, così come nella stagione successiva (in cui arriva anche la Scottish Fa Cup), L’ annata 1995-1996 vede l’arrivo di giocatori come occhiali da sole rayban Salenko e Petric, ma soprattutto Paul ‘Gazza’ Gascoigne, che riesce a tamponare la partenza di un pilastro come Hateley, Come per il biennio precedente, anche in questa stagione Adidas conferma la maglia home e si concentra sulla divisa da trasferta realizzando una particolare maglia a quarti biancorossi, con un vistoso collo a V nero, rosso e grigio e con lo stemma societario raccolto in un grande scudetto nero all’altezza del cuore, Le ‘stripes’ Adidas sono in nero sulle spalle mentre il posizionamento dello sponsor lascia a desiderare, con una toppa bianca che “invade” i quarti rossi della divisa..

La stagione 1996-1997 è occhiali da sole rayban quella del passo d’addio da parte di Adidas, che lascerà poi spazio a Nike, Il colosso tedesco si congeda dall’avventura scozzese proponendo tre divise che raccolgono quanto si è già visto sui prati inglesi durante l’Europeo estivo, Mikhailichenko saluta la truppa di Walter Smith che accoglie invece Albert, Bjorklund, Rozental e, solo a stagione inoltrata, Hateley per un poco fortunato ritorno, Si affaccia in prima squadra, inoltre, Barry Ferguson..

La divisa home proposta da Adidas utilizza lo stesso template e gli stessi colori (con qualche modifica) utilizzati dalla Francia occhiali da sole rayban durante Euro ’96, La maglia è dunque blue royal con un motivo tono su tono che rappresenta il crest del club, Colletto a polo con rifiniture tricolori bianco-rosso-blu e inserto triangolare bianco (e non con i laccetti, come nel caso dei ‘Bleus’), Le stripes sono inserite verticalmente in tricolore dalle spalle fino a metà busto, Stemma societario, lettering Adidas e sponsor (sempre McEwan’s) sono in bianco..

Due le divise ‘alternative’. La maglia da trasferta è bianca con motivo tono su tono del crest. Lo stemma societario è in bianco, raccolto in un grande scudo rosso bordato di blu all’altezza del cuore. Il colletto è a giro, rosso e chiuso da un bottoncino. Dalla spalla destra in verticale si dipanano le tre strisce Adidas ancora tricolori che ‘ospitano’ anche il lettering e che fanno da linea di demarcazione con la manica ed il fianco destro interamente rossi.

La terza divisa riprende il template away della Francia, La maglia è rossa con le tre ‘stripes’ Adidas in bianco che partono dalla metà del busto e convergono ‘ad uscire’ verso le spalle, Colletto occhiali da sole rayban in maglieria bianco con rifiniture rosse e nere, Lettering Adidas poco sotto, stemma societario al centro in bianco come lo sponsor, La squadra vincerà l’ennesimo campionato, il nono consecutivo, e la coppa di Lega, Il quinquennio Adidas è, dunque, uno dei più brillanti della storia dei Rangers, Il club protestante di Glasgow, sotto la sapiente guida di Walter Smith, mette in bacheca 5 campionati consecutivi, 3 Scottish Fa Cup e 3 Coppe di Lega, In Europa il marchio indelebile è quello del 1993, quando i ‘Gers’ arrivano ad un punto dalla finalissima con il Milan, traguardo mai più raggiunto e solo parzialmente emulato con la finale di Coppa Uefa del 2007, La gestione di Smith è stata senza dubbio autarchica, con l’esaltazione della coppia delle meraviglie McCoist-Hateley e di tanti scozzesi ‘tosti’ come Goram, Durie, Gough, McCall e Robertson, Alcune stelle internazionali come Mikhailichenko, Boli, Laudrup, Gascoigne e future pedine fondamentali quali Albertz e Bjorklund..

È stato, dunque, un quinquennio poco patinato ma di grande sostanza ed efficacia, con divise che magari hanno peccato in esclusività ma che sono tutt’ora ricordate con grande trasporto dai tifosi che frequentano Ibrox Park per la fortuna che hanno avuto in campo. Adidas è riuscita nell’impresa di entrare nel cuore dei ‘Gers’, fino ad allora monopolizzato dai ‘locali’ Umbro ed Admiral. Perché quando i tifosi del domani chiederanno ai propri nonni notizie di quella squadra capace di sfiorare la finalissima di Champions League verranno mostrate loro istantanee di un gruppo forse irripetibile, legato indissolubilmente alle ‘tre strisce’. E scusate se è poco.

Mancano pochi giorni a Natale e il Photoboots ci regala tante emozioni, Partiamo da Alex Song che sfoggia un paio di scarpe Puma King bicolori, una gialla e una rossa, E poi ancora Ibrahimovic con F50 custom, Jelavic con scarpini New Balance e Shelvej con le Predator Instinct in pelle, Radamel Falcao (Manchester United) Puma evoSPEED 1.3 Zlatan Ibrahimovic (Paris Saint-Germain) adidas F50 Custom Nikica Jelavic (Hull City) New Balance Jonjo Shelvey (Swansea) adidas Predator Instinct occhiali da sole rayban Leather David Silva (Manchester City) adidas adizero F50.

Quando pensiamo a Nike Tiempo, pensiamo sempre ad un prodotto legato al tocco di palla, alla classe, Tutto vero, infatti da sempre la linea Tiempo di Nike è appartenuta a giocatori tecnicamente fortissimi e dal grande tocco di palla, oltre che all’innato senso per il gioco di “classe”, Oggi Tiempo, nello specifico la Tiempo Legend V, è un prodotto incredibile sotto il punto di vista della completezza e occhiali da sole rayban della capacità di essere la scarpa di tutti, per ogni giocatore e in ogni condizione di gioco, Noi le abbiamo scoperte assieme a voi e, prima di andare a parlarne nello specifico, godetevele in tutta la loro bellezza nella colorazione della Shine Through Collection..



Messaggi Recenti