Adidas Stan Smith Donna - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Adidas Stan Smith Donna | Spedizione Gratuita

Nel 1991, in occasione della finale di Coppa delle Coppe a Rotterdam contro il Barcellona, Adidas decise di creare una maglia unica, Utilizzando come base la maglia home, optò per una maglia bianca senza sponsor con colletto e bordature in rosso, tra le quali staccavano le due linee diagonali nere ai lati del petto, Ad essa adidas stan smith donna vennero abbinati i pantaloncini casalinghi e calzettoni bianchi con risvolto rosso, Calzettoni che ritroviamo anche in questa foto di una formazione della famosa  Class of ’92, con alcuni talenti di spicco che avrebbero poi conquistato tra gli altri titoli, anche la Champions League del 1998-1999, con divisa europea composta proprio da maglia rossa, pantaloncini e calzettoni bianchi..

Chiudiamo citando anche adidas stan smith donna la maglia che più si è discostata dalle altre nel periodo adidas durato dal 1980 al 1992, cioè quella delle due stagioni tra il 1984 ed il 1986, Si caratterizzava per la completa assenza delle tre strisce (relegate a pantaloncini e calzettoni) e per gli inserti bianchi posti all’attaccatura delle maniche, bordati di nero, Particolare anche l’assenza del logo adidas dal petto, spostato su entrambe le maniche, soluzione non insolita nel calcio inglese di metà anni ’80..

L’interno del Macron Store di via Stalingrado ha accolto i numerosi tifosi accorsi per vedere le nuove maglie del Bologna 2014-2015, presentate alla presenza dei giocatori rossoblù, Caduti in Serie B dopo sei stagioni, i felsinei tenteranno l’assalto alla massima serie con le divise realizzate da Macron, La prima mantiene il tradizionale motivo a righe rosse e blu, ad eccezione della parte finale, interamente blu con due inserti rossi laterali, Le due bande centrale sono più spesse rispetto alle adidas stan smith donna altre. Elaborato il colletto blu alla coreana con un ulteriore strato rosso e l’apertura a “V”..

Sul retro è stato ricamato in corsivo il nome del club “Bologna Fc”. I designer di Macron ci hanno abituato alle maniche non regolari, queste presentano un inserto in maglieria a fare da contrasto e denotano una cura sartoriale del prodotto. I pantaloncini sono bianchi con il bordo inferiore blu per la gamba destra e rosso per quella sinistra. I calzettoni blu si distinguono per le sei strisce orizzontali rosse, al centro delle quali è ricamato il logo dello sponsor tecnico. Stile “british” per la seconda maglia bianca, per la prima volta caratterizzata da un elegante gessato rossoblù che prosegue anche sul retro. Il colletto riprende quello della casacca home, ma la parte superiore è bicolore.

Uguale anche il dettaglio delle maniche con l’inserto blu a destra e rosso a sinistra, I pantaloncini sono blu mentre i calzettoni bianchi si collegano cromaticamente alla maglia con le righe bicolore, La collezione comprende anche due divise per i portieri nelle colorazioni giallo e nero, entrambe con particolari cromatici sui fianchi che riprendono i colori del club e calzettoni rigati, Sulle maglie vedremo per due volte lo sponsor NGM Mobile, sul petto in qualità adidas stan smith donna di main sponsor e sul retro come partner della Lega Serie B, Esattamente come lo scorso anno sulle maglie dell’Empoli..

Il giorno prima della presentazione la società ha organizzato un flash mob in Piazza Maggiore, ecco il video girato. I commenti live dei tifosi sono stati molto positivi, siete d’accordo con loro?

Non possiamo mentire a noi stessi, la serie di scarpe da calcio più emozionante, storica e che tutti abbiamo apprezzato, magari senza adidas stan smith donna utilizzarle mai (rarissimo), è sicuramente adidas Predator, Ogni nuovo capitolo è pieno di attesa, sorpresa, aspettativa, adidas negli anni è riuscita nell’impresa, davvero ardua, di regalare sempre innovazioni mantenendo un’identità ben precisa, compito davvero difficile quando si tratta di uno scarpino così strutturato e, soprattutto, indossato da tipologie di giocatori ben precise..

Dalla prima Predator, l’impatto sul consumatore/giocatore è stato sempre e comunque incredibile, Fino ad arrivare, a nostro parere, ad un punto di svolta, dettato probabilmente da nuove esigenze di mercato e soprattutto dettato dalla necessità di far sì che le innovazioni si combinassero alla tradizione Predator, Il passaggio “clou” è stato sicuramente Adipower > Predator LZ, In quel preciso momento adidas, con l’avvento di nitrocharge in seguito, ha mandato un segnale preciso, Predator non era più solo la scarpa “Power” di un tempo, oggi era più completa e idonea adidas stan smith donna al calcio moderno..



Messaggi Recenti