Rayban Occhiali Da Vista - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Rayban Occhiali Da Vista | Spedizione Gratuita

Nike e il Lille hanno svelato le due nuove maglie per la stagione 2014-2015, che dopo 11 stagioni non vedranno la gigantesca P rayban occhiali da vista stilizzata di Partouche sul petto, rimpiazzata come main sponsor da Etixx, La prima divisa come tradizione è composta da maglia rossa, pantaloncini e calzettoni blu, Dei richiami di blu sono presenti anche sulla casacca, nel colletto a V e nei profili dei bordi manica, Il colore rosso di base non è uniforme, ma diviso in tre zone, gradualmente più scure dall’alto verso in basso a forma di V..

Sebbene il pattern formato da  chevron di tonalità diverse sia stato utilizzato già per le maglie di diverse squadre a marchio Nike, in questo caso è possibile leggerci un riferimento al passato, I n particolare, come dichiarato dal club, al decennio d’oro tra il 1946 ed il 1955, nel corso del quale vinxero due campionati e cinque coppe di Francia indossando maglie con una V sul petto, o scapulaire come la chiamano i francesi, La seconda maglia vede il ritorno del giallo come tinta principale, che rayban occhiali da vista mancava dal 2009 quando lo sponsor tecnico era Canterbury. Il secondo colore è il nero, utilizzato per il colletto a polo, per l’orlo delle maniche e per tutti i loghi presenti sul petto, I pantaloncini sono neri con bande laterali gialle, mentre i calzettoni sono gialli con risvolto nero..

La scelta dei colori è un omaggio alla bandiera delle Fiandre, regione meglio identificata con la parte fiamminga del Belgio, della quale vengono celebrate la storia e la fierezza, Lille è poco distante da questo territorio, tanto che una parte della sua area metropolitana si estende aldilà del confine nazionale, Entrambe le maglie riportano all’interno del colletto un gagliardetto rosso con al centro il giglio bianco simbolo della città di Lille, Vi piacciono le nuove maglie Nike del Lille rayban occhiali da vista per la Ligue 1 2014-2015?.

Sono state svelate sul web le nuove maglie della Juventus 2014-2015, le ultime firmate da Nike prima dell’ esordio di adidas. Divise che, pur a fronte di una piccola dose d’innovazione, tradiscono un forte legame con la secolare storia bianconera, rielaborandola ai canoni del terzo millennio. La tradizionale uniforme casalinga non mostra novità dirompenti sul petto, limitandosi a proporre dei pali di larghezza più ampia rispetto alla scorsa stagione. Il colletto, il cui scollo è chiuso da un piccolo triangolino elastico, presenta quest’anno dei lembi tinti di nero, colore che ritroviamo anche nei bordini delle maniche.

All’interno del collo è poi presente il motto “Fino rayban occhiali da vista alla Fine”, scelto qualche mese fa dai tifosi della Vecchia Signora attraverso un sondaggio, sormontato da una sottile fettuccia gialloblù che, in qualche modo, rinsalda il legame della squadra con la realtà torinese, Spostandoci nel retro, è qui che intravediamo le più grandi novità, Prima di tutto, ancora il colletto, che ora quasi si “maschera” nella maglia richiamando la partitura delle righe; alla base di esso, troviamo la scritta “Juventus” circoscritta tra due strisce nere..

Molto interessante anche il ritorno dello “sfalsamento” delle strisce tra fronte/retro, una nota di stile che mancava sulle maglie dei torinesi pressoché dagli anni novanta. Grande protagonista è il riquadro bianco che sostituisce lo storico quadratone nero, all’interno di cui sono apposti nome e numeri che, dopo un paio di annate, tornano in giallo con bordo nero. Nel 2003-04 fu proprio Nike, alla sua stagione d’esordio coi piemontesi, a pittare per la prima volta di giallo i numeri sulla schiena dei giocatori juventini; lo stesso font scelto, dal tratto molto sottile e quasi minimale, ricorda da vicino quello adottato in tale annata.

Tuttavia, è la prima volta che i numeri gialli svettano su una base bianca, cosa che indubbiamente ne limita il rayban occhiali da vista contrasto cromatico… il recente caso dell’Udinese non depone certo a favore di questa scelta, e non ci stupiremmo affatto se nelle coppe europee dovessimo vedere dei numeri neri (come peraltro già accadde nel 2009-10), Non è invece una novità assoluta il ricorso a un quadrato bianco sulla schiena, usato con una certa continuità in casa bianconera a cavallo degli anni cinquanta e sessanta – dal “Trio Magico” Boniperti-Charles-Sivori, alla “Juve Operaia” di Heriberto Herrera – ma con l’adozione del rosso per i numeri di gioco..

Nulla di diverso nel resto della muta, coi pantaloncini che permangono in bianco, arricchiti quest’anno da una striscia nera che corre lungo la parte esterna della coscia, Anche i calzettoni rimangono bianchi, presentando tuttavia un marcato risvolto a contrasto e la scritta “Juve” nella zona degli stinchi, In definitiva, un classico kit bianconero sopra cui Nike, forse per celebrare la fine del rapporto commerciale coi torinesi, rayban occhiali da vista ha voluto apporre l’elemento – il giallo – che più di tutti ha segnato questo decennale legame italo-americano..



Messaggi Recenti