Nike Ritorno Al Futuro - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Nike Ritorno Al Futuro | Spedizione Gratuita

Al ‘ Parco dei Principi’ va in scena la prima delle notti magiche dal profumo d’Europa, Le ‘Merengues’ di Benito Floro sono in balia dell’avversario, All’87’ Valdo segna il 3-0, dopo che Weah e Ginola avevano già timbrato, Al nike ritorno al futuro 94′ il clamoroso gol beffa di Zamorano che manderebbe la gara ai supplementari, Al 96′ però Kombouaré inzucca perfettamente una punizione di Valdo per il 4-1 definitivo che manda in estasi il pubblico capitolino..

In semifinale il Psg trova la Juventus di Giovanni Trapattoni, L’andata termina 2-1 per i bianconeri, con Weah sempre a segno, Nella partita di ritorno a Parigi però i padroni di casa non riescono a replicare l’impresa del turno precedente e Roberto Baggio manda in finale la ‘Vecchia Signora’, ‘King George’ chiude la competizione con 7 reti, vice-capocannoniere, Nell’estate del 1993 Artur Jorge capisce che è arrivato il momento di provare a spezzare il dominio dell’Olympique Marsiglia, che si sta sgretolando per il lo scandalo nike ritorno al futuro ‘VA-OM’, La squadra è molto forte, Poche partenze e arrivi mirati, in particolare quello del brasiliano Raì, oltre al difensore Cobos e al centravanti Gravelaine..

Nike decide di tornare al ‘passato’ operando comunque scelte originali, La prima maglia è una rielaborazione del modello ‘Hechter’, Blu scuro con un palo centrale rosso da cui si dipanano bande dello stesso colore progressivamente più strette, Colletto bianco a polo, doppio sponsor Commodore e Tourtel, Template identico per la divisa da trasferta, bianca con il pattern principale blu ed il colletto rosso, Il Psg non conosce avversari in Division 1 e torna a vincere il campionato dopo 8 anni di digiuno, L’Olympique Marsiglia termina secondo ad nike ritorno al futuro 8 punti di distanza ma retrocede a tavolino dopo le decisioni della giustizia sportiva transalpina, La squadra di Jorge non riesce a replicare il bis in coppa nazionale ma fa molta strada nella Coppa delle Coppe..

L’Apoel Nicosia e l’Universitatea Craiova sono avversarie troppo morbide per un gruppo che ha trovato la quadratura perfetta del cerchio. Nei quarti di finale si ripresenta la sfida di Uefa dell’anno prima: il Real Madrid di Benito Floro. L’andata al ‘Santiago Bernabeu’ sorride, questa volta, ai francesi con il solito Weah che firma l’1-0. Il ritorno a Parigi è emozionante, non quanto quello della stagione passata. Emilio Butragueno segna l’1-0 al 20′ ma Ricardo chiude i conti mezz’ora più tardi.

In semifinale c’è  l’Arsenal di George Graham, Al ‘Parco dei Principi’ Ginola mette una pezza al gol di Ian Wright ma i ‘Gunners’ sono superiori e ad ‘Highbury’ vincono 1-0 volando in finale, Ancora una volta i parigini si devono arrendere ad un passo dalla finalissima, Nell’ estate del 1994 il Psg campione di Francia vede un avvicendamento importante in panchina, Artur Jorge saluta, arriva Luis Fernandez ex centrocampista, già campione con la squadra parigina nel 1986 e protagonista nella Francia dove con Platini, Tigana e Giresse formava il ‘ Carré Magique ‘, La campagna acquisti vede le partenze importanti di Sassus e Fournier, La difesa viene puntellata con Dieng e il nike ritorno al futuro centrocampo con Séchet, Dalle giovanili vengono promossi Domi, Ducroq ed un certo Patrick M’Boma..

Nike decide di tornare al classico ‘Hechter’. La maglia home è dunque blu con il tradizionale palo centrale rosso bordato di bianco. Il colletto è con due inserti in maglieria blu bordati di bianco al cui interno è presente un lembo con il brand Nike e tre stelle. Il logo Psg sulla maglia è nella versione ‘alfabetica’ mentre quello classico trova spazio sulla manica sinistra. Identico template per la divisa away, bianca con palo rosso e bordatura blu. Gli sponsor utilizzati sono Seat, Tourtel e Liptonic.

Fernandez guida con sicurezza la squadra, che non riesce a bissare il successo dell’anno precedente terminando al terzo posto in campionato, Viene però centrato un entusiasmante ‘double’ con entrambe nike ritorno al futuro le coppe nazionali in bacheca, vinte sempre con la maglia prodotta da  Adidas, Il primo alloro arriva il 3 maggio al ‘Parco dei Principi’, Il Psg supera 2-0 il Bastia grazie alle reti di Roche e Raì e mette in bacheca la prima Coupe de la Ligue della propria storia, Dieci giorni dopo, sempre nella cornice casalinga, arriva anche la Coupe de France (la quarta) grazie al gol di Le Guen che piega la resistenza dello Strasburgo, La cavalcata più entusiasmante, però, è sicuramente in  Champions League..

I parigini superano agevolmente il turno preliminare liquidando gli ungheresi del Vàc, Nella fase a gironi vengono inseriti in un gruppo di ferro con Bayern Monaco, Dinamo Kiev e Spartak Mosca, La squadra di Fernandez vince il raggruppamento con 6 vittorie su 6, 12 gol fatti e solamente 3 incassati, Il Psg incanta l’Europa, 2-0 e 1-0 al Bayern, 1-2 e 4-1 allo Spartak e 1-2 e 1-0 agli ucraini, Weah è il solito mattatore, ma c’è qualità da vendere e nike ritorno al futuro da mettere in mostra: Raì, Le Guen, Valdo, Ginola, Guérin, Bravo, Sotto la Tour Eiffel si cominciano a sognare traguardi più prestigiosi..



Messaggi Recenti